Prima una serie di romanzi di genere fantasy, realizzati dalla mente fervida dello scrittore polacco Sapkowski, sulle orme di quelli di J.R.R. Tolkien (celebrato autore de Il Signore degli Anelli per intenderci) e poi, come spesso succede, una saga di videogames, questo è il percorso effettuato da "Geralt di Rivia", conosciuto poi nella versione di giochi elettronici sotto il nome di "The Witcher". Se i libri complessivamente arrivano ad essere 6, tra raccolte e romanzi singoli, la saga di videogames ne conta invece 3.

Se i racconti di Tolkien hanno raggiunto una popolarità mondiale, anche grazie alle trasposizioni cinematografiche, quelli di Sapkowski sono un pò meno conosciuti ma non per questo meno avvincenti dei primi. Andiamo a conoscere meglio l'universo di questa saga di romanzi prima e di giochi elettronici poi, fatta di mostri, strighi, essere umani e tante avventure pericolose.

Geralt di Rivia, la storia di uno Strigo

la saga di Geralt di RiviaLe avventure narrate si svolgono in un continente immaginario, diviso tra diversi regni e territori. Qui vivono, oltre agli esseri umani, anche gnomi, elfi e nani, appartenenti alle cosiddette razze antiche. Le persone, tuttavia, si trovano a dover fronteggiare varie creature e mostri pericolosi e per difendersi hanno creato un gruppo di guerrieri chiamati Strighi, esseri umani particolari che possono combattere contro tali minacce.

Geralt di Rivia è uno di questi strighi, cioè una persona che, grazie a particolari riti, è mutata, ottenendo poteri magici, considerevole rapidità e sensi particolarmente sviluppati. Egli, come tutti gli altri esseri della sua specie, è specializzato nell'uccidere mostri e rompere incantesimi e, vagando per il mondo, offre le proprie capacità a coloro che ne avessero bisogno. Geralt, inoltre, a causa dei riti subiti, non possiede emozioni e tende ad essere una persona cinica e generalmente fredda.

La complessa trama dei romanzi

Durante il suo errare in diversi territori alla ricerca di lavoro e di mostri da uccidere, il protagonista, si inbatte in Ciri, una ragazzina che, in seguito, egli decide di allevare come una striga. Per questo, la affida a diversi maestri e alla maga Yennefer. Tuttavia, a seguito di una battaglia in cui rimane seriamente ferito, Geralt perde le tracce delle due donne. Ripresosi, egli si avvia alla ricerca della ragazzina per salvarla. Lei, in realtà, è entrata a far parte di un piccolo gruppo di ladri fuggiaschi, mentre la maga è divenuta una prigioniera del cattivo Vilgefortz.

Mentre Ciri riesce a raggiungere il regno degli elfi, Geralt viene a sapere della prigionia di Yennefer e del luogo dove lei sia trattenuta e parte alla volta del castello di Vilgefortz, assieme ad un gruppo di fedeli amici. Intanto, la ragazzina, dove varie peripezie e grazie ai suoi poteri magici, raggiunge lo stesso castello, dove incontra Geralt. Qui scoppia una violenta battaglia che vede sopravvivere soltanto loro due, assieme alla maga Yennefer.

In questo contesto, Ciri scopre di essere la figlia dell'imperatore Emhyr. Sebbene questi vorrebbe riunirsi alla ragazzina, scopre il legame filiale che intanto è cresciuto tra la stessa e Geralt e lascia che i due vivano assieme. Dopo un pò di tempo, durante un'assenza di Ciri e Yennefer, Geralt si avvia verso Rivia, dove dà appuntamento alle due donne. Queste tuttavia ritrovano lo strigo gravemente ferito, a causa di una rivolta in città. Nel tentativo di curarlo, Yennefer sviene, così Ciri porta via con sé sia il padre adottivo ormai morto che la stessa maga.

The Witcher, i videogiochi che continuano la storia di Geralt di Rivia

In questa saga elettronica, il protagonista si ritrova alcuni anni dopo gli eventi finali dell'ultimo libro e privo di memoria. Egli viene salvato da un gruppo di Witcher (in pratica altri strighi), che lo curano e gli insegnano nuovamente le loro arti. Mentre ritrova pian piano il ricordo del passato, anche grazie all'aiuto di vecchi amici, Geralt dovrà affrontare un gruppo di malvagi.

In seguito, incolpato di alcuni assassini, tra cui quello di un re, egli decide di mettersi alla ricerca del vero autore dei delitti. Durante le indagini, riscopre il suo passato ed il destino di Yennefer, la sua amata maga, e della figlia adottiva Ciri. Nell'ultimo capitolo della saga di videogiochi, poi, Geralt va nuovamente alla ricerca di quest'ultima, in quanto viene a sapere essere in pericolo, aiutato ancora una volta da vecchi e nuovi amici.  

Per chi volesse acquistare il videogioco The Witcher per la Play Station 4 potrà farlo direttamente cliccando sulla foto qui sotto:

la saga di Geralt di Rivia



I più condivisi

Ecco le migliore cuffie da gaming sul mercato (nel 2019)

Un’esperienza videoludica di tutto rispetto ha bisogno, ovviamente, di essere supportata da strumenti di rilievo. Oltre alla scelta della console principale (quindi vedi Personal Computer, PlayStation o Xbox) vanno scelti con somma attenzione il joystick e quando richiesto anche mouse e tastiera di primo ordine. In pochi, però, sanno che un’attenzione particolare nel mondo del gaming viene riservata anche alle cuffie che, a differenze di tante altre, permettono di udire suoni assolutamente realistici al fine di rendere ancora più speciale l’esperienza di gioco.

Leggi tutto...

Notebook da gaming nel 2019: quale acquistare?

Il mondo videoludico, ormai, ha preso il sopravvento su tutto e tutti. Indipendentemente dalla propria fascia di età siamo praticamente tutti coinvolti e avvolti dal mondo dei videogiochi che ormai ci permettono di ammazzare il tempo senza problema alcuno ovunque siamo. Infatti, anche se siamo in attesa dal dentista, possiamo tranquillamente ingannare il tempo con uno dei tanti giochi scaricabili dallo store sul nostro smartphone.

Leggi tutto...

Il gaming e i mouse: i wireless alla pari dei cablati?

Il mondo del gaming, in particolar modo quello online, sta letteralmente ribaltando l’idea di gioco videoludico che nel corso degli anni siamo stati capaci di concepire nelle nostre menti. Prima si guardava ai videogames come un passatempo o comunque un hobby da dover e poter coltivare nel tempo libero. Ad oggi, invece, esistono dei tornei professionistici a livello mondiale organizzati solo ed esclusivamente per coloro che del loro essere ‘gamer’ ne hanno fatto una professione: ultimo caso a testimonianza di quanto abbiamo detto sono gli ingaggi da parte di alcune società di calcio (vedi per esempio la Sampdoria in Italia) di giocatori videoludici professionisti.

Leggi tutto...

Tastiera wifi da gaming: ecco alcuni nostri consigli

Il processo tecnologico è ormai colonna portante della nostra vita: non c’è giorno alcuno che passa senza una novità o una miglioria circa i nostri usi e le nostre consuetudini.
Una delle novità principali degli ultimi anni è sicuramente lo sviluppo, probabilmente esagerato, del mondo del gaming: sempre più migliaia di giocatori si sfidano quotidianamente via ‘etere’, quindi tramite internet, dando vita a battaglie epiche che coinvolgono sempre più gli stessi. Addirittura vengono oramai organizzati tornei a livello mondiale con ricchissimi premi agli eventuali vincitori.

Leggi tutto...

PS4 PRO VS PS4 Slim: l’egemonia chiamata PlayStation

In una qualsiasi abitazione, in una qualsiasi casa ove risiede almeno un soggetto di età pari o inferiore ai 35/40 è, per forza di cose, presente almeno una console per l’intrattenimento videoludico. Negli ultimi anni lo scettro di regina in questo mondo spetta di diritto alla PlayStation che ormai dal lontano 2000 allieta le giornate di noi ‘eterni bambini’.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La storia della saga di Mass Effect

Così come accaduto con altri videogiochi, anche con Mass Effect dopo il lancio ed il successo del primo capitolo, ne sono seguiti altri, a cui si sono intervallati anche la realizzazione di fumetti e libri, che hanno cercato di approfondire l'universo di questo gioco ed altri personaggi, diversi dal protagonista dello stesso.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La storia di The Elder Scrolls III: Morrowind

la storia di elder scrolls III

Terzo capitolo di una fortunata saga di videogiochi iniziata negli anni '90 e di genere Action RPG (quindi giochi di ruolo d'azione) a tema fantasy, questo specifico episodio di The Elder Scrolls rappresenta un'evoluzione importante rispetto ai quelli precedenti, in quanto tende a fornire al giocatore una maggiore e soprattutto migliore libertà di movimento all'interno dell'universo di gioco. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Top 10 videogiochi: ecco i migliori FPS

Bentornati, altro giro, altra top ten: stavolta è il turno dei first person shooter, che da ora in poi chiameremo FPS, altrimenti non finiamo più. Dal nostro modo di vedere, gli FPS sono strettamente collegati all’industria dei videogiochi in generale, perché le loro fortune sembrano essere strettamente legate; tocca praticamente sempre agli FPS, infatti, con la loro costante ricerca di fotorealismo, il ruolo di stress test per far mostrare i muscoli alle nuove componenti hardware. Siete così “maturi” (scusate ma non ci piace definirci “vecchi”) da ricordare il tormentone: “Ma ci gira Crysis?”?

Leggi tutto...
Go to Top