×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 409

Videogioco del genere TPS, sparatutto in terza persona, Max Payne ha riscosso un buon successo nei suoi tre diversi capitoli. Uscito per la prima volta nel 2001, ha ottenuto un'ottima accoglienza da parte di pubblico e critica e vari riconoscimenti. In seguito, sono stati realizzati i successivi capitoli, nel 2003 e nel 2012, intervallati dall'uscita di un film basato sulla storia del protagonista di questo videogioco nel 2008.

Interpretato sullo schermo dall'attore Mark Wahlbergil film "Max Payne" diretto da John Moore, ha ottenuto, a differenza del gioco elettronico, delle recensioni negative da parte della critica. Andiamo a conoscere come si sviluppa la storia del poliziotto di New York e come si svolgono le sue vicende lungo tutta la trama del videogioco.

Capitolo 1: l'inizio della saga a cui si ispira il film

L'agente di polizia Max Payne tornando a casa scopre che la moglie e la figlia sono stati uccisi da criminali sotto l'effetto di una droga sintetica molto potente, chiamata valchiria. Trasferitosi in seguito all'agenzia antidroga DEA, il protagonista va a caccia di chi la produce. Entrato sotto copertura all'interno di un clan mafioso italo-americano, viene scoperto e, a seguito della morte di un suo amico in polizia, viene braccato anche dai suoi stessi colleghi. Nel tentativo di sopravvivere si allea con la mafia russa, guidata dal criminale Lem

Dopo aver ucciso il capo del primo clan, Max Payne scopre che dietro la valchiria vi è un progetto segreto del Governo americano e che in questa storia rientrano anche gli interessi di un'impresa guidata da una certa Horne. In seguito, Payne viene a conoscenza anche dell'esistenza di una società segreta, chiamata Circolo Interno, con cui viene a patti attraverso uno dei suoi capi, il senatore Woden. Infatti, questi propone al poliziotto la morte della Horne (altro capo del Circolo) in cambio della libertà dell'agente. La donna viene quindi uccisa e Payne resta libero. La trama del film di Moore su Max Payne è ispirata perlopiù alla trama del primo capitolo del videogioco.

Capitolo 2

Videogioco Max Payne 2: secondo capitolo della saga

La storia di Max Payne continua con il suo ritorno nella polizia di New York. e si imbatte in una organizzazione criminale, chiamata "i Ripulitori", guidati da un certo Kaufman, e si ritrova a collaborare con Mona Sax (una killer fronteggiata nel primo capitolo). Dopo una serie di scontri e peripezie, in cui i due sono braccati da malavitosi e poliziotti, onesti e corrotti, la coppia riesce comunque a cavarsela. Una volta raggiunta la casa di lei, tuttavia, Max Payne scopre una serie di verità sconcertanti.

Il capo del clan russo, Lem, apparentemente amico del nostro Max, è in realtà colui che guida i Ripulitori, fa parte del Circolo Interno e intende uccidere Woden per prenderne il controllo. Questi, a sua volta, rappresenta colui che, attraverso una serie di inganni, ha provocato l'assassinio della famiglia di Payne ed ha assoldato Mona e lo stesso Lem per uccidere il poliziotto. Alla fine, in uno scontro a fuoco definitivo, il mafioso russo riesce ad eliminare Mona e Woden, ma viene assassinato a sua volta da Max Payne. 

Terzo ed ultimo capitolo...

Il poliziotto, spedito in pensione, si ritrova a lavorare a in Brasile come guardia del corpo della famiglia Branco assieme all'ex collega Passos. Tuttavia, alcuni criminali del Commando Sombra riescono a rapire una donna della famiglia e chiedono un riscatto. A questo sono interessati anche i membri di un'altra banda, i Crachà Preto. Dopo una serie di scontri a fuoco e ricerche, il poliziotto riesce a liberare la donna. Tuttavia, egli scopre che dietro degli assassinii e dei loschi traffici, vi è Becker, capo di un gruppo paramilitare, ed un componente della famiglia Branco.

Nello scontro finale, aiutato dal poliziotto brasiliano Da Silva, Max Payne riesce prima ad eliminare Becker e poi a costringere alla resa Victor Branco, il membro criminale della famiglia. Il videogioco si conclude con Da Silva che arresta Victor Branco, il quale si suiciderà in carcere, mentre Max Payne si ritrova in un'altra città brasiliana, Bahia. In questo terzo capitolo del gioco vi sono diversi flash-back e riferimenti a personaggi ed episodi dei capitoli precedenti.

Fine della storia o uscita di Max Payne 4?

Sono numerosi i fan del poliziotto a chiedere una continuazione della storia ed un quarto capitolo del videogioco. Ad oggi si rincorrono voci di un possibile prosieguo del gioco con l'uscita di Max Payne 4, ma non vi sono conferme ufficiali da parte della Remedy Entertainment, la società finlandese che ha sviluppato Max Payne. A distanza di alcuni anni sono molti i fan del poliziotto Payne ad affollare le pagine social della società ed è possibile che nei prossimi mesi vi sia una presa di posizione ufficiale. Stesso discorso vale per la Rockstar Games, i creatori di GTA e Red Dead Redemption, che ha sviluppato la versione Max Payne per Playstation, Xbox e Gameboy Advanced.

Intramontabile su PC

A distanza di 11 anni è ancora possibile godere appieno di questo gioco che troviamo, per PC, sulla piattaforma STEAM. Il primo ed il secondo hanno un costo di circa 10€ mentre il terzo, uscito nel 2012, ha un prezzo di circa 20€. 

Questo gioco, nonostante un motore grafico abbastanza vecchio, è ancora in grado di trasmettere emozioni grazie alla storia entusiasmante che c'è dietro e alla trama che il giocatore porta avanti nei panni del protagonista. Inoltre il gameplay è semplice ed originale ed il bullet time, ispirato al film Matrix, è sempre stato un caratteristico punto di forza.

Insomma, se non lo hai mai giocato hai ancora modo di recuperarlo e godertelo. 

Se invece preferisci gli sparatutto in prima persona, ti consigliamo di leggere la nostra Top 10 dei migliori giochi FPS in circolazione!



I più condivisi

Ecco le migliore cuffie da gaming sul mercato (nel 2019)

Un’esperienza videoludica di tutto rispetto ha bisogno, ovviamente, di essere supportata da strumenti di rilievo. Oltre alla scelta della console principale (quindi vedi Personal Computer, PlayStation o Xbox) vanno scelti con somma attenzione il joystick e quando richiesto anche mouse e tastiera di primo ordine. In pochi, però, sanno che un’attenzione particolare nel mondo del gaming viene riservata anche alle cuffie che, a differenze di tante altre, permettono di udire suoni assolutamente realistici al fine di rendere ancora più speciale l’esperienza di gioco.

Leggi tutto...

Notebook da gaming nel 2019: quale acquistare?

Il mondo videoludico, ormai, ha preso il sopravvento su tutto e tutti. Indipendentemente dalla propria fascia di età siamo praticamente tutti coinvolti e avvolti dal mondo dei videogiochi che ormai ci permettono di ammazzare il tempo senza problema alcuno ovunque siamo. Infatti, anche se siamo in attesa dal dentista, possiamo tranquillamente ingannare il tempo con uno dei tanti giochi scaricabili dallo store sul nostro smartphone.

Leggi tutto...

Il gaming e i mouse: i wireless alla pari dei cablati?

Il mondo del gaming, in particolar modo quello online, sta letteralmente ribaltando l’idea di gioco videoludico che nel corso degli anni siamo stati capaci di concepire nelle nostre menti. Prima si guardava ai videogames come un passatempo o comunque un hobby da dover e poter coltivare nel tempo libero. Ad oggi, invece, esistono dei tornei professionistici a livello mondiale organizzati solo ed esclusivamente per coloro che del loro essere ‘gamer’ ne hanno fatto una professione: ultimo caso a testimonianza di quanto abbiamo detto sono gli ingaggi da parte di alcune società di calcio (vedi per esempio la Sampdoria in Italia) di giocatori videoludici professionisti.

Leggi tutto...

Tastiera wifi da gaming: ecco alcuni nostri consigli

Il processo tecnologico è ormai colonna portante della nostra vita: non c’è giorno alcuno che passa senza una novità o una miglioria circa i nostri usi e le nostre consuetudini.
Una delle novità principali degli ultimi anni è sicuramente lo sviluppo, probabilmente esagerato, del mondo del gaming: sempre più migliaia di giocatori si sfidano quotidianamente via ‘etere’, quindi tramite internet, dando vita a battaglie epiche che coinvolgono sempre più gli stessi. Addirittura vengono oramai organizzati tornei a livello mondiale con ricchissimi premi agli eventuali vincitori.

Leggi tutto...

PS4 PRO VS PS4 Slim: l’egemonia chiamata PlayStation

In una qualsiasi abitazione, in una qualsiasi casa ove risiede almeno un soggetto di età pari o inferiore ai 35/40 è, per forza di cose, presente almeno una console per l’intrattenimento videoludico. Negli ultimi anni lo scettro di regina in questo mondo spetta di diritto alla PlayStation che ormai dal lontano 2000 allieta le giornate di noi ‘eterni bambini’.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lore Dark Souls: ecco alcune curiosità che possono interessarti

Tra i generi di videogame che tendono a riscuotere spesso molto successo vi sono quelli Fantasy, che raccontano di mondi fantastici, personaggi particolari e che, se dotati di una buona trama di gioco e costruiti bene, riescono ad accendere la passione e l'interesse per coloro che vi giocano.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Death Stranding: finalmente in uscita l'ultimo videogioco di Kojima!

trailer del videogioco death stranding di kojima

A volte anche i migliori matrimoni possono fallire e purtroppo è accaduto anche nel mondo dei videogiochi, con la separazione tra la celebre società giapponese Konami e l'altrettanto famoso autore e sceneggiatore di videogames Hideo Kojima. Quest'ultimo, tuttavia, non è rimasto con le mani in mano e la sua Kojima Productions si è subito impegnata con l'altro gigante giapponese Sony. Questa nuova collaborazione è destinata a produrre qualcosa di molto atteso da fan e critica in tutto il mondo... 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Top 10 videogiochi: ecco i migliori FPS

Bentornati, altro giro, altra top ten: stavolta è il turno dei first person shooter, che da ora in poi chiameremo FPS, altrimenti non finiamo più. Dal nostro modo di vedere, gli FPS sono strettamente collegati all’industria dei videogiochi in generale, perché le loro fortune sembrano essere strettamente legate; tocca praticamente sempre agli FPS, infatti, con la loro costante ricerca di fotorealismo, il ruolo di stress test per far mostrare i muscoli alle nuove componenti hardware. Siete così “maturi” (scusate ma non ci piace definirci “vecchi”) da ricordare il tormentone: “Ma ci gira Crysis?”?

Leggi tutto...
Go to Top