Dobbiamo essere sinceri, nonostante da più parti siano visti come la “morte della creatività”, a noi piace il concetto di sequel e non siamo contrari a priori; ci piace rituffarci nelle atmosfere e re-incontrare vecchi amici con cui abbiamo passato decine e decine di ore.

Questo vuol dire che giudichiamo belli tutti i seguiti? Ovviamente no, ma narrativamente parlando, un sequel permette più libertà agli sviluppatori, poiché si possono basare sulla conoscenza pregressa da parte dei giocatori e, quindi, osare di più nella caratterizzazione dei personaggi, scavando ulteriormente nella loro psicologia.

Aspettate che provo a farvelo capire meglio; giocare ad un sequel è come uscire a prendersi una birra con un vecchio amico; c’è un’alchimia, una complicità e un’affinità dovute al poter far riferimento ad un vissuto in comune che non si riesce ad avere con una persona appena conosciuta.

Probabilmente nei videogiochi, rispetto al cinema, siamo anche abbastanza fortunati perché i seguiti dei videogiochi tendono ad essere di buona qualità, grazie anche al fatto che le meccaniche di gioco possono essere raffinate grazie ai feedback della prima iterazione (e non trascuriamo il maggior budget a disposizione, grazie al successo del primo capitolo).

È per questi motivi che aspettiamo i seguenti giochi trattenendo il fiato, con un misto di ansia e trepidazione.

The Last of Us 2

top ten videogiochi sequelQuesta non è una classifica, ma se lo fosse The Last of Us 2, per noi, starebbe sempre al primo posto. È difficile spiegare quanto il primo sia stato importante, sia per l’industria dei videogiochi che per noi, perché è stato il gioco che, in un certo senso, ha chiuso un certo tipo di discorso, è la prova lampante che utilizziamo con i nostri amici “non-nerd” per dimostrargli che la distanza tra videogiochi e cinema (ma con le altre arti in generale), non esiste praticamente più. A noi è capitato moltissime volte di far vedere a qualcuno la prima parte del gioco, restando con il fiato sospeso a scrutare ogni loro minima reazione, per poi arrivare al punto cruciale e urlargli in faccia BOOOMMM, che ti avevo detto, eh? Eh? Eh?

E’ un survival horror (sequel di “The Last of Us”) sviluppato dalla casa produttrice Naughty Dog in stile avventura dinamica, anche in esclusiva su PlayStation 4 che può ancora migliorare (pensiamo soprattutto alle fasi di shooting), ma se riuscirà di nuovo a farci sorridere, piangere, arrabbiare e innamorare incondizionatamente ai suoi personaggi, allora noi saremo di nuovo soddisfatti.

God of War

top ten videogiochi sequel

E’ una serie con genere avventura dinamica sviluppata dalla SIE (Sony Interactive Entertainment) Santa Monica Studio.

Devo essere sincero, ci siamo un attimo fermati ad interrogarci se inserire Kratos tra i più attesi; non perché dubitiamo del gioco, ovviamente, ma perché non sapevamo quanto fosse corretto considerarlo un sequel o un reboot. In realtà, sembra che sarà un po’ l’uno e un po’ l’altro:

  • reboot perché, come si vede anche dal fatto che non ci siano numeri dopo il titolo, la vicenda sarà fruibile anche per chi non ha mai preso i comandi del Fantasma di Sparta,e per questo hanno scelto anche un setting diverso: Kratos passerà dal pulire i pavimenti con la faccia degli dei dell’antica Grecia al fare strage di divinità norrene (Odino, dormi con un occhio aperto!)
  • Sequel perché, da quanto abbiamo notato dal trailer di lancio, Kratos è lo stesso Kratos dei giochi precedenti; non è una sua rivisitazione, non è una sua versione modernizzata, ma lo stesso uomo che lottando contro tutti e tutto è riuscito a diventare un dio

Alla fine, queste sono solo chiacchiere, quello che rimane è che non vediamo l’ora di impugnare il joypad e di ricominciare ad incatenare combo infinite con cui far fuori i nemici!

Unica, personalissima, perplessità: il doversi portar dietro il figlio (che rischia di essere un personaggio fastidiosissimo fino alla crescita finale) è un elemento che ci lascia abbastanza tiepidi (tutta colpa tua, figlia del Presidente di Resident Evil 4).

Per saperne di più  su questo gioco clicca qui.

Red Dead Redemption 2

top ten videogiochi sequel

E’ un videogioco avventura/azione del 2018 sviluppato da Rockstar Games in esclusiva su PlayStation 4 e Xbox One.

Non so se dirlo prima possa rappresentare una giustificazione soddisfacente, ma vi avviso che questa descrizione conterrà frasi “maschiliste”. Scusate. Cavalli lanciati al galoppo, tramonti sulla prateria, un mondo in cui gli uomini non si possono chiamare Marion (ciao John Wayne!) se vogliono essere presi sul serio.

Red Dead Redemption ha fatto un grosso miracolo: è riuscito a portare tutta l’epica dei western in un videogioco! Per le persone semplici è GTA con i cavalli, ma la realtà è che una volta entrati in questo open world non vorrete più uscirne, inizierete a chiamare il vostro cavallo (ma anche la vostra pistola) per nome e non sarete soddisfatti fino a quando non avrete posto rimedio a tutte le ingiustizie (in realtà potreste anche decidere di avere un “onore negativo” ma, sul serio, questo vi renderebbe delle pessime persone).

Pillars of Eternity 2

top ten videogiochi sequel

E’ un videogioco sicuramente da consigliare a tutti quei giocatori amanti dei GDR (giochi di ruolo). Verrà inoltre reso disponibile per molteplici piattaforme tra cui PC, Xbox One e persino Nintendo Switch. Farà sicuramente piacere a tutti i videogiocatori non-console che questo titolo sarà giocabile anche su altre OS quali Mac OS, Windows e Linux.

Forse non sono la persona più idonea per giudicare questo tipo di videogiochi, visto che ricordo ancora come fosse ieri quando ci trovavamo a casa di uno di noi per giocare a Baldur’s Gate. Troppi ricordi, troppi sentimenti, troppo amore. Rimane il fatto, però, che, visti i dati di vendita, non sono l’unico ad avere un minimo di nostalgia, anzi, è proprio grazie all’affetto dei fan che Pillars of Eternity e Divinity: Original Sin (altro capolavoro da giocare assolutamente) sono riusciti ad arrivare sul mercato: entrambi i giochi, infatti, hanno scelto di farsi finanziare dagli appassionati (grazie a Kickstarter), probabilmente per avere tutta la libertà creativa necessaria per non avere ingerenze esterne.

Ed è con queste bellissime premesse che i ragazzi di Obsidian ci hanno regalato un gioco di ruolo con visuale isometrica duro e puro, che rinverdisce i fasti del genere ma non si limita a scimmiottarli ma a portarli a nuovi livelli.

Elemento cruciale che rende insostenibile la nostra attesa: la promessa (fatta da tanti ma ancora mai mantenuta a pieno) che le nostre decisioni possano influenzare non sono la storia, ma anche il gameplay.

Far Cry 5

top ten videogiochi sequelFar Cry 5 è un videogioco d'azione/avventura sviluppato da Ubisoft Montreal e Ubisoft Toronto, pubblicato da Ubisoft. Il gioco verrà rilasciato per PlayStation 4, Xbox One e PC entro fine marzo 2018.

A nostro modo di vedere, Ubisoft ha fatto una scelta coraggiosa: invece di scegliere qualche antagonista sperduto in parti improbabili di mondo in modo da non alienarsi importanti fette di mercato, la casa di produzione francese ha eletto Joseph Seed, Hope County, Montana, come nostra nemesi. Ripeto: la reputo una scelta coraggiosa e le prime polemiche dei videogiocatori ottusi che avrebbero preferiti sparare a russi/cinesi/coreani/ o ai separatisti laici del Burmini, tendono a darmi ragione. Portare il cuore del conflitto direttamente nel cuore degli Stati Uniti, soprattutto in questo periodo caratterizzato dall’elezione di Trump alla casa bianca, vuol dire, a nostro avviso, propendere per un certo tipo di narrazione, prediligendo dei personaggi in cui molti americani rischiano di riconoscersi. Grossi dubbi sul gameplay non ne abbiamo, visto che le meccaniche di gioco sono state affinate sia nei capitoli principali che negli spin off (come Primal, il “Far Cry nella preistoria”), quindi l’unica cosa che ci preoccupa è questa: gli sviluppatori porteranno il loro coraggio alle estreme conseguenze o avranno il “braccino” (termine cestistico che potrebbe tradursi in “Farsela sotto nel momento decisivo”)?

Ni No Kuni 2

top ten videogiochi sequel

E’ un videogioco da consigliare a tutti quei giocatori amanti dei GDR (giochi di ruolo), sarà reso disponibile su PlayStation 4 e su PC.

Lo spaesamento che si prova nel giocare il primo Ni No Kuni è lo stesso di quello causato dalla visione dei film del Maestro Miyazaki: l’accostamento di un’estetica colorata e “fumettosa” a contenuti estremamente maturi, crea uno scarto notevole tra quello che uno si potrebbe aspettare e quello che trova sullo schermo. Nel caso ve lo stiate chiedendo questa è un’ottima cosa: affrontare questo gioco di ruolo di stampo giapponese è stato un continuo capovolgimento di sensazioni. Un secondo prima eravamo lì con il sorriso sulle labbra e quello dopo non c’era più, sparito a causa dell’ennesimo capovolgimento di tono.

Queste montagne russe emotive sono propiziate da un apparato artistico ai massimi livelli; ad affiancare i Level-5 nello sviluppo, infatti, ci hanno pensato proprio i ragazzi dello Studio Ghibli, fondati proprio da Hayao Miyazaki, per la parte grafica e da Joe Hisaishi per la composizione delle musiche (suonate poi dalla Tokyo Philharmonic Orchestra). Ci permettiamo di prendere in prestito le parole della rivista Famitsu perché racchiudono in pieno tutto ciò che stiamo cercando di dire: “L'animazione, la musica e la storia sono combinate insieme ad alto livello in modo da mantenere il giocatore costantemente esaltato.” Noi, infatti, siamo esaltati anche per il seguito: voi no?

State of decay 2

top ten videogiochi sequel

E’ un gioco di sopravvivenza che verrà reso disponibile su Xbox One e su PC.

Arriverà mai il giorno in cui gli zombie ci stancheranno del tutto? Probabilmente sì, altrettanto probabilmente sarà molto presto, ma di sicuro non sarà oggi. In cosa si differenzia State of Decay dagli altri giochi con gli zombie che arrancano lentamente verso il nostro cervello? Il gioco di Undead Labs è molto interessante perché non ci mette di fronte degli zombie a cui aprire un buco nella testa, ma ci cala in un mondo dove loro stanno vincendo e noi dobbiamo riconquistare i nostri spazi un centimetro alla volta. Agli elementi di survival horror in terza persona, quindi, si affiancano quelli simulativi in cui ci dobbiamo prendere cura della nostra base, con annessi compagni, e creare nuovi avamposti per porre un freno all’orda di non morti. Queste premesse e la possibilità di affrontare il gioco con altri tre amici (e buttarli in pasto agli zombie per salvarci le terga) fanno sì che State of Decay 2 sia da tempo nella nostra lista della spesa.

Darksiders 3

top ten videogiochi sequel

E’ un videogioco con avventura dinamica che verrà reso disponibile su Xbox One, PlayStation 4 e su PC.

Prima Guerra, poi Morte e adesso tocca a Fury (no, vi giuro, non ce la posso fare a vederla tradotta in Furia): finalmente anche il terzo Cavaliere dell’Apocalisse fa la sua comparsa. La storia di Darksiders è stata funestata da nefaste vicende produttive, ma è riuscita a sopravvivere e ad arrivare al terzo capitolo evidentemente grazie ad un’altissima qualità del prodotto. Cosa potete aspettarvi da Darksiders? Per semplificare, immaginate God of War e Zelda che hanno un figlio che ha ripreso dal padre la vena action e il tono maturo e, dalla madre la crescita del personaggio e la vocazione all’esplorazione.
Non vi basta? Siete veramente incontentabili! Va bene, c’è anche la ciliegina sulla torta: dietro alla creazione di Darksiders c’è Joe Madureira, disegnatore di fama mondiale, noto soprattutto per il suo lavoro con la Marvel. Vi consigliamo di recuperare subito i primi due episodi di questa saga, perché raramente abbiamo trovato un gioco così appagante sia dai primi minuti.

Bayonetta 3

top ten videogiochi sequel

È un videogioco di avventura/azione sviluppato dalla Platinum Games e distribuito dalla Nintendo.

Sarò sincero con voi, Bayonetta è uno di quei giochi che contribuisce a far avere una pessima reputazione a noi giocatori; sul serio, vi sfido ad andare online e cercare commenti che non sembrino usciti dalle dita viscide di qualche maniaco. Ma è solo apparenza, o dietro la sexy strega, dall’aria provocante e dall’accento british c’è di più? C’è molto, ma molto di più. Nata dalla stessa mente, Hideki Kamiya, che ci ha regalato Devil May Cry, Bayonetta ne raccoglie a pieno l’eredità, mettendoci di fronte ad un gioco action stilosissimo, in cui concatenare combo diventa una bellissima danza mortale (a farne le spese saranno le schiere angeliche che, tagliando un po’ con l’accetta, fanno qui la parte dei “cattivi”).
Non vi aspettate, ovviamente, una narrazione molto raffinata, perché a farla da padrone sono le situazioni sopra le righe e personaggi larger than life, allineati pienamente ad un certo stile giapponese.

Kingdom Hearts 3

top ten videogiochi sequel

È un videogioco di gioco di ruolo Action RPG sviluppato da Square Enix.

Il primo Kingdom Hearts è del 2002, il secondo del 2005; da allora sono usciti una miriadi di episodi “minori”, per lo più per le console portatili, e di rimasterizzazioni, a testimoniare il fatto che, nonostante siano passati più di 10 anni, la passione dei fan è ancora viva. Cos’è che ce lo fa aspettare con così tanto interesse? Bhe, fondamentalmente due cose:

  • La formula è ancora vincente; veder coesistere i personaggi Disney con quelli di Final Fantasy è una gioia per gli occhi
  • Questo gioco dovrebbe rappresentare la degna conclusione della saga di Xehanort e dopo 16 anni sarebbe anche ora.

Guarda il Video sul nostro canale

Clicca qui per iscriverti al Canale



I più condivisi

Top 10 Videogiochi difficili: dai un'occhiata a questi titoli per PC/Console

Siamo masochisti? Ci piace forse soffrire? La vita già non è già tanto difficile anche senza che ci si mettano i videogiochi? E allora perché tutta questa passione per i giochi difficili?
Benvenuti al nostro nuovo listone Top 10 Giochi difficili, grazie al quale proveremo a dare una risposta a tutte questo domande.

Leggi tutto...

Ecco le migliore cuffie da gaming sul mercato (nel 2019)

Un’esperienza videoludica di tutto rispetto ha bisogno, ovviamente, di essere supportata da strumenti di rilievo. Oltre alla scelta della console principale (quindi vedi Personal Computer, PlayStation o Xbox) vanno scelti con somma attenzione il joystick e quando richiesto anche mouse e tastiera di primo ordine. In pochi, però, sanno che un’attenzione particolare nel mondo del gaming viene riservata anche alle cuffie che, a differenze di tante altre, permettono di udire suoni assolutamente realistici al fine di rendere ancora più speciale l’esperienza di gioco.

Leggi tutto...

Notebook da gaming nel 2019: quale acquistare?

Il mondo videoludico, ormai, ha preso il sopravvento su tutto e tutti. Indipendentemente dalla propria fascia di età siamo praticamente tutti coinvolti e avvolti dal mondo dei videogiochi che ormai ci permettono di ammazzare il tempo senza problema alcuno ovunque siamo. Infatti, anche se siamo in attesa dal dentista, possiamo tranquillamente ingannare il tempo con uno dei tanti giochi scaricabili dallo store sul nostro smartphone.

Leggi tutto...

Il gaming e i mouse: i wireless alla pari dei cablati?

Il mondo del gaming, in particolar modo quello online, sta letteralmente ribaltando l’idea di gioco videoludico che nel corso degli anni siamo stati capaci di concepire nelle nostre menti. Prima si guardava ai videogames come un passatempo o comunque un hobby da dover e poter coltivare nel tempo libero. Ad oggi, invece, esistono dei tornei professionistici a livello mondiale organizzati solo ed esclusivamente per coloro che del loro essere ‘gamer’ ne hanno fatto una professione: ultimo caso a testimonianza di quanto abbiamo detto sono gli ingaggi da parte di alcune società di calcio (vedi per esempio la Sampdoria in Italia) di giocatori videoludici professionisti.

Leggi tutto...

Tastiera wifi da gaming: ecco alcuni nostri consigli

Il processo tecnologico è ormai colonna portante della nostra vita: non c’è giorno alcuno che passa senza una novità o una miglioria circa i nostri usi e le nostre consuetudini.
Una delle novità principali degli ultimi anni è sicuramente lo sviluppo, probabilmente esagerato, del mondo del gaming: sempre più migliaia di giocatori si sfidano quotidianamente via ‘etere’, quindi tramite internet, dando vita a battaglie epiche che coinvolgono sempre più gli stessi. Addirittura vengono oramai organizzati tornei a livello mondiale con ricchissimi premi agli eventuali vincitori.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La storia della saga di Call of Duty: quella sporca ultima guerra!

Soldato che spara della saga di Call of Duty

Nel corso degli ultimi anni sono usciti diversi giochi che hanno cercato di imitarlo, ma nessuno è riuscito a raggiungere il successo di pubblico e di critica raggiunto dal videogame "Call Of Duty". Il primo capitolo di questo splendido gioco è uscito nel 2003, ottenendo come detto un'accoglienza strepitosa e ricevendo svariati premi e riconoscimenti. In seguito, la casa produttrice ha lanciato ulteriori episodi, fino a far diventare il gioco una vera e propria saga, composta complessivamente da circa 15 titoli principali, senza contare i cosiddetti Spin-off.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Battle royale PS4: scopriamo le più interessanti a partire da PUBG!

PUBG Blalltle Royale PS4, copertina del gioco in uscita

Capita di tanto in tanto nel settore dei videogiochi che ne siano lanciati alcuni che provocano una piccola rivoluzione. Questa può riguardare tantissimi aspetti, dal tipo di videogame fino alla sua modalità di interazione col giocatore. Il tutto comincia prima a diffondersi lentamente, per poi dilagare in tutto il mondo, conquistando folle di appassionati, commenti positivi della critica ed anche qualche premio importante.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Top 10 videogiochi: ecco i migliori FPS

Bentornati, altro giro, altra top ten: stavolta è il turno dei first person shooter, che da ora in poi chiameremo FPS, altrimenti non finiamo più. Dal nostro modo di vedere, gli FPS sono strettamente collegati all’industria dei videogiochi in generale, perché le loro fortune sembrano essere strettamente legate; tocca praticamente sempre agli FPS, infatti, con la loro costante ricerca di fotorealismo, il ruolo di stress test per far mostrare i muscoli alle nuove componenti hardware. Siete così “maturi” (scusate ma non ci piace definirci “vecchi”) da ricordare il tormentone: “Ma ci gira Crysis?”?

Leggi tutto...
Go to Top