Il processo tecnologico è ormai colonna portante della nostra vita: non c’è giorno alcuno che passa senza una novità o una miglioria circa i nostri usi e le nostre consuetudini. 
Una delle novità principali degli ultimi anni è sicuramente lo sviluppo, probabilmente esagerato, del mondo del gaming: sempre più migliaia di giocatori si sfidano quotidianamente via ‘etere’, quindi tramite internet, dando vita a battaglie epiche che coinvolgono sempre più gli stessi. Addirittura vengono oramai organizzati tornei a livello mondiale con ricchissimi premi agli eventuali vincitori.

Ma a prescindere dal fatto che lo sviluppo videoludico abbia ormai assunto livelli sproporzionati c’è chi anche ne fa un passatempo, un hobby, di tutto rispetto. E come qualsiasi hobby da coltivare anche gli strumenti vanno migliorati: pc, monitor, tastiera, mouse ed eventualmente joystick vanno ‘cambiati’ al fine di rendere più veritiera e coinvolgente l’esperienza ludica.
Noi, oggi, vogliamo catalizzare l’attenzione sulle tastiere da gaming che sempre in più giochi divengono importantissime per non dire fondamentali e che allo stesso tempo mantengono, almeno per il momento, valutazioni economiche abbordabili per chiunque.

Come scegliere la migliore

I giocatori che amano divertirsi sistematicamente con i videogames di certo non si accontentano della classica tastiera che troviamo in un qualsiasi comuinissimo ufficio. Per questo motivo i criteri di selezione dell’eventuale tastiera diventano sempre più rigidi: ovviamente le esigenze sono personali, e non oggettive, e sul mercato troviamo tastiere di qualsiasi forma, di qualsiasi colore e per qualsiasi tipologia di necessità.

Piccola peculiarità che non deve però passare inosservata è quella inerente al budget a disposizione: esistono, giustamente, tastiere che vedono oscillare il proprio prezzo dai 20€ ai 200€ e per molti, spendere centinaia di euro per una ‘semplice’ tastiera, è un’esagerazione ipso facto quelle maggiormente vendute sul mercato hanno un prezzo che varia dai 50€ ai 100€.

Criterio fondamentale nella selezione di una tastiera è la ‘struttura’: se possibile scegliete una tastiera meccanica anche perchè quelle a membrana, ormai, non reggono più il confronto con le colleghe più tecnologiche.

Quando ci ritroviamo nella condizione di dover scegliere una tastiera, cosa dobbiamo fare? Innanzitutto il consiglio fondamentale che diamo, ove possibile, è quella di provare la tastiera. In molti casi non è possibile ma se ne avete la possibilità non esitate a farlo.
Quando scegliamo la nuova tastiera da gaming dobbiamo captare quanto facile sia l’utilizzo in base alle nostre esigenze e caratteristiche. Dobbiamo verificare come ci troviamo nella digitazione a dieci dita confrontandola con quella in nostro possesso per poter fare il paragone: fatto questo segue la comparazione del software e quindi come potere impostare profili specifici e via discorrendo.

Le caratteristiche di una tastiera meccanica

Prima di iniziare a capire quale sia il modello adatto alle vostre esigenze occorre sicuramente conoscere le caratteristiche principali che accomunano tute le tastiere da gaming, in maniera tale da decidere solo in un secondo momento quali caratteristiche desiderate che siano più “migliori” delle altre.
Per prima cosa, ovviamente, vi è il formato, con questo termine si indica la quantità di tasti presenti che può essere:

  • full, ovvero con 104 tasti;
  • tenkeyless, ovvero con 87 tasti (priva del tastierino numerico);
  • 75% in cui i tasti freccia ed i comandi rapidi sono attaccati alle lettere;
  • 60% e 40%, difficili da trovare in ambito “gaming”.

In questo caso la scelta non può che essere personale, dipende soprattutto dal tipo di giochi che preferite per cui magari necessitate di alcuni tasti piuttosto che di altri e quindi potreste abituarvi ad una tastiera specifica. Considerate, però, che le tastiere tenkeyless occupano uno spazio inferiore che potrà permettervi di utilizzare meglio il mouse.
La seconda caratteristiche principale è il Layout, termine con cui si indica la disposizione dei caratteri in relazione ad una determinata lingua, quelle attualmente disponibili sul mercato ne hanno tre:

  • italiano, la cui caratteristica più evidente è il tasto “invio” a forma di L e la presenza di lettere accentate;
  • ANSI-US, con tasto invio piccolo e largo;
  • ISO-UK che prevede il tasto invio a forma di L ma al posto delle lettere accentate sono presenti altri caratteri.

La terza caratteristica in comune sono i Keycaps ovvero i tasti, la maggior parte delle tastiere li possiede in ABS, un tipo di plastica che garantisce rigidità e resilienza e che col passare degli anni si usura diventando lucida. La qualità dell’ABS non può che variare con il prezzo: maggiore è il presso maggiore è la qualità.
Infine l’ultima caratteristica da conoscere sono gli Switch, ovvero i meccanismi presenti sotto ogni tasto, essi vengono prodotti da diverse aziende ognuna delle quali possiede un listino con le diverse tipologie.
Anche gli Switch possono risultare più o meno adatti alla tipologia di gioco prescelta, per questo è una caratteristica da tenere d’occhio.
Una volta comprese le caratteristiche comuni vi basterà tenere a mente la vostra tipologia di gioco preferita e lasciarvi guidare!

Le tastiere sul mercato

Come detto precedentemente sul mercato troviamo diverse tastiera da gaming che si adeguano alla perfezone alle esigenze e alle possibilità economiche di qualsiasi soggetto. Nel nostro piccolo, adesso, andremo a vedere tre tastiera (una per ogni fascia economica quindi alta, media e bassa) che sul mercato hanno riscontrato maggiori consensi:

Corsair Strafe RGB Cherry MX Red

è la tastiera per antonomasia ritenuta la migliore dai principali gamer di tutto il mondo. Ovviamente la sua collocazione è necessariamente nella fascia ‘alta’ di prezzo in quanto il cartellino della stessa si aggira intorno ai 180€-200€. I punti forti della stessa sono:

  • Gli interruttori meccanici di altissima qualità;
  • Tasti estremamente reattivi e sensibili;
  • Numerosi profili di gioco;
  • Presenza di porte USB per l’eventuale collegamento di altre periferiche;
  • Possibilità dio personalizzare ogni singolo tasto. 

Logitech G610 Orion Brown

  • La struttura assolutamente compatta;
  • I tasti meccanici sono altamente reattivi;
  • È possibile leggere i tasti della tastiera anche al buio;
  • È molto precisa anche in caso di combinazioni molto più complesse.

 

 



Tastiera da Gaming

I più condivisi

Top 10 Videogiochi difficili: dai un'occhiata a questi titoli per PC/Console

Siamo masochisti? Ci piace forse soffrire? La vita già non è già tanto difficile anche senza che ci si mettano i videogiochi? E allora perché tutta questa passione per i giochi difficili?
Benvenuti al nostro nuovo listone Top 10 Giochi difficili, grazie al quale proveremo a dare una risposta a tutte questo domande.

Leggi tutto...

Ecco le migliore cuffie da gaming sul mercato (nel 2019)

Un’esperienza videoludica di tutto rispetto ha bisogno, ovviamente, di essere supportata da strumenti di rilievo. Oltre alla scelta della console principale (quindi vedi Personal Computer, PlayStation o Xbox) vanno scelti con somma attenzione il joystick e quando richiesto anche mouse e tastiera di primo ordine. In pochi, però, sanno che un’attenzione particolare nel mondo del gaming viene riservata anche alle cuffie che, a differenze di tante altre, permettono di udire suoni assolutamente realistici al fine di rendere ancora più speciale l’esperienza di gioco.

Leggi tutto...

Notebook da gaming nel 2019: quale acquistare?

Il mondo videoludico, ormai, ha preso il sopravvento su tutto e tutti. Indipendentemente dalla propria fascia di età siamo praticamente tutti coinvolti e avvolti dal mondo dei videogiochi che ormai ci permettono di ammazzare il tempo senza problema alcuno ovunque siamo. Infatti, anche se siamo in attesa dal dentista, possiamo tranquillamente ingannare il tempo con uno dei tanti giochi scaricabili dallo store sul nostro smartphone.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La storia di The Elder Scrolls: 24 anni di RPG!

Questo videogioco rappresenta, ancora una volta, il successo di un genere che ormai annovera milioni di fan in tutto il mondo, quello del fantasy, che permette di cimentarsi in tante avventure, ambientate in mondi originali, per interpretare personaggi altrettanto inusuali, che devono sconfiggere i mostri di turno per raggiungere il proprio obiettivo finale. Questo, come altri videogames, permette inoltre di immergersi in giochi di ruolo, dove azione ed avventura tendono a mischiarsi ed a coinvolgere pienamente gli stessi giocatori.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Fallout 4, la recensione

fallout 4 recensione

Generalmente, il sequel o il capitolo successivo di un film o di un videogioco di successo non sempre è all'altezza del precedente o comunque non riesce a bissare ciò che questi ha ottenuto a livello di consenso di pubblico e di critica. Tuttavia, esistono anche le eccezioni ed è quello che è capitato con alcuni capitoli della saga di "Fallout", un videogame di genere RPG o meglio definito anche gioco di ruolo d'azione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Top 10 videogiochi: i migliori sequel in uscita nel 2018

Dobbiamo essere sinceri, nonostante da più parti siano visti come la “morte della creatività”, a noi piace il concetto di sequel e non siamo contrari a priori; ci piace rituffarci nelle atmosfere e re-incontrare vecchi amici con cui abbiamo passato decine e decine di ore.

Leggi tutto...
Go to Top