×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 409

Questo videogioco rappresenta, ancora una volta, il successo di un genere che ormai annovera milioni di fan in tutto il mondo, quello del fantasy, che permette di cimentarsi in tante avventure, ambientate in mondi originali, per interpretare personaggi altrettanto inusuali, che devono sconfiggere i mostri di turno per raggiungere il proprio obiettivo finale. Questo, come altri videogames, permette inoltre di immergersi in giochi di ruolo, dove azione ed avventura tendono a mischiarsi ed a coinvolgere pienamente gli stessi giocatori.

Come accaduto con altri giochi elettronici di successo, anche da The Elder Scrolls e dai suoi mondi fantastici è stato creato un romanzo, che, in maniera particolare, parte dalle vicende tratte da uno dei suoi vari capitoli, il quarto, denominato "Oblivion". Cerchiamo di approfondire meglio la conoscenza di questa saga, suddivisa in cinque parti, nata a metà degli anni '90 e proseguita poi negli anni 2000, anche con vari cosiddetti spin-off.

Come inizia la saga: ecco Arena

Immagine esemplificativa rispetto alla Storia di The Elder Srcroll

Nell'anno 399 della Terza Era, il trono dell'imperatore Septim VII viene usurpato da un suo consigliere mago, Jagar Tharn. Il sovrano viene rinchiuso in una dimensione parallela chiamata Oblivion. Per poterlo liberare e salvare, bisognerà recuperare i pezzi del Bastone del Caos, che sono dispersi nel continente di Tamriel. L'unica persona in grado di fare questo è Ria Silmane, apprendista del mago usurpatore.

Questa, nonostante il tentativo di uccisione, riesce a salvare la propria vita e quella del cosiddetto campione, che potrà affrontare lo stesso Tharn per sconfiggerlo. Silmane, apparendo durante i sogni, permetterà al protagonista sia di raccogliere i diversi pezzi ma anche di completare il prezioso Bastone. Una volta ottenuto questo, il campione raggiunge la Città Imperiale, dove potrà affrontare il malefico usurpatore.  

Il secondo capitolo di The Elder Scrolls, Daggerfall

L'imperatore Uriel Septim VII°, dopo disordini nella lontana provincia di High Rock, al fine di conoscerne i motivi e porvi fine, invia un agente dell'Ordine degli Spadaccini. Inoltre, egli doveva anche ricreare Numidium

Morrowind, il terzo capitolo della saga. Ecco alcuni accenni alla storia

Il protagonista del gioco, uscito di prigione, incontra il capo dell'Ordine degli Spadaccini che gli affida una missione: l'indagine sul presunto ritorno di un culto ritenuto pericoloso, denominato la Sesta Casata. Tale inviato in realtà sembra essere la reincarnazione di un eroe di alcune profezie Nerevarine, che, dopo una serie di scontri e peripezie, è costretto ad affrontare il suo principale nemico Dagoth Ur. Questo ne esce sconfitto e lo stesso Nerevarin riesce a salvare la regione, Morrowind, da una serie di calamità, unendone anche tutte le casate presenti.

Il quarto titolo: Oblivion

Il protagonista è "il Prigioniero", che, a seguito di una serie di eventi, deve trovare l'erede scomparso dell'imperatore, rimasto ucciso in un attentato, per evitare l'apertura di Oblivion, da cui possono uscire dei mostri. Una volta rintracciato, i due personaggi si ritrovano a dover affrontare varie avventure e battaglie. Riconosciuto in seguito come legittimo erede al trono, Martin Septim deve affrontare un suo acerrimo nemico, Dagon. Lo scontro porta lo stesso neo imperatore a morire, ma a sconfiggere il suo avversario, riportandolo all'interno dell'Oblivion.

Skyrim, la quinta parte della saga (un gioco che attraverso le molte Mod uscite può garantire ancora un'ottima giocabilità)

Immagine esemplificativa riguardante la versione online di The Elder Scroll

Per quanto concerne la storia, il protagonista, dopo essere scampato alla morte, riceve l'incarico di trovare un oggetto misterioso, mentre nel frattempo vi sono alcuni draghi che distruggono villaggi della regione di Skyrim. Dopo averne sconfitto uno, egli scopre di possedere e riuscire ad acquisire dei poteri.

Ecco il Trailer

Il protagonista, divenuto nel frattempo Dovahkiin, dopo una serie di avventure, ricerche e vari scontri, si ritrova a dover affrontare Alduin, il principale e più forte dei draghi. La morte di quest'ultimo, a seguito dello scontro con l'eroe protagonista, costringe alla fuga dalla regione tutti gli altri mostri alati.

Se invece avete voglia di confrontarvi con uno spin off vi consigliamo il gioco strategico, di carte Legends o la versione online (anche detta TESO) che gira su PC, Xbox one e PS4.

Attendiamo con ansia l'uscita di The Elder scrolls 6, mostrato solamente attraverso un piccolo teaser al E3 2018 (assieme al nuovo capitolo è stato presentato anche il titolo per i dispositivi Mobile come Apple e Android).



I più condivisi

Ecco le migliore cuffie da gaming sul mercato (nel 2019)

Un’esperienza videoludica di tutto rispetto ha bisogno, ovviamente, di essere supportata da strumenti di rilievo. Oltre alla scelta della console principale (quindi vedi Personal Computer, PlayStation o Xbox) vanno scelti con somma attenzione il joystick e quando richiesto anche mouse e tastiera di primo ordine. In pochi, però, sanno che un’attenzione particolare nel mondo del gaming viene riservata anche alle cuffie che, a differenze di tante altre, permettono di udire suoni assolutamente realistici al fine di rendere ancora più speciale l’esperienza di gioco.

Leggi tutto...

Notebook da gaming nel 2019: quale acquistare?

Il mondo videoludico, ormai, ha preso il sopravvento su tutto e tutti. Indipendentemente dalla propria fascia di età siamo praticamente tutti coinvolti e avvolti dal mondo dei videogiochi che ormai ci permettono di ammazzare il tempo senza problema alcuno ovunque siamo. Infatti, anche se siamo in attesa dal dentista, possiamo tranquillamente ingannare il tempo con uno dei tanti giochi scaricabili dallo store sul nostro smartphone.

Leggi tutto...

Il gaming e i mouse: i wireless alla pari dei cablati?

Il mondo del gaming, in particolar modo quello online, sta letteralmente ribaltando l’idea di gioco videoludico che nel corso degli anni siamo stati capaci di concepire nelle nostre menti. Prima si guardava ai videogames come un passatempo o comunque un hobby da dover e poter coltivare nel tempo libero. Ad oggi, invece, esistono dei tornei professionistici a livello mondiale organizzati solo ed esclusivamente per coloro che del loro essere ‘gamer’ ne hanno fatto una professione: ultimo caso a testimonianza di quanto abbiamo detto sono gli ingaggi da parte di alcune società di calcio (vedi per esempio la Sampdoria in Italia) di giocatori videoludici professionisti.

Leggi tutto...

Tastiera wifi da gaming: ecco alcuni nostri consigli

Il processo tecnologico è ormai colonna portante della nostra vita: non c’è giorno alcuno che passa senza una novità o una miglioria circa i nostri usi e le nostre consuetudini.
Una delle novità principali degli ultimi anni è sicuramente lo sviluppo, probabilmente esagerato, del mondo del gaming: sempre più migliaia di giocatori si sfidano quotidianamente via ‘etere’, quindi tramite internet, dando vita a battaglie epiche che coinvolgono sempre più gli stessi. Addirittura vengono oramai organizzati tornei a livello mondiale con ricchissimi premi agli eventuali vincitori.

Leggi tutto...

PS4 PRO VS PS4 Slim: l’egemonia chiamata PlayStation

In una qualsiasi abitazione, in una qualsiasi casa ove risiede almeno un soggetto di età pari o inferiore ai 35/40 è, per forza di cose, presente almeno una console per l’intrattenimento videoludico. Negli ultimi anni lo scettro di regina in questo mondo spetta di diritto alla PlayStation che ormai dal lontano 2000 allieta le giornate di noi ‘eterni bambini’.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Star Wars the Old Republic: storia del primo videogioco basato sul film!

Esistono delle pellicole cinematografiche che sono entrate nella storia, la cui celebrità continua per decenni e che hanno dato vita nel corso del tempo a fumetti, libri e videogiochi. Tutto ciò è capitato con Star Wars o Guerre Stellari, la cui splendida saga fantascientifica è iniziata alla fine degli anni '70 e poi continuata in seguito con altre pellicole dialtrettanto successo in tutto il mondo, registrando tra i più grandi incassi della storia del cinema.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La storia della saga Resident Evil

 

Uno dei quei pochi videogiochi che hanno fatto epoca ed il cui successo continua imperterrito nel corso dei decenni. Infatti, Resident Evil ha reso celebre, nell'anno dell'uscita del suo primo episodio e quindi nel 1996, un genere di videogames chiamato Survival Horror (alcuni giochi elettronici precedenti potrebbero rientrare nell'ambito e quindi lo hanno anticipato) e da cui poi è stata tratta non solo un'intera saga, ma addirittura anche fumetti, libri e film, con la splendida attrice Milla Jovovich.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Libri sui videogiochi: top 10 dei titoli tratti da libri, film e fumetti

immagine del libro sul videogioco the witcherQuesto è un periodo in cui le arti tendono a contaminarsi sempre di più, anche grazie alla maturità che hanno raggiunto: i film vogliono somigliare sempre di più ai videogiochi, quest'ultimi fanno di tutto per essere considerati “seri” come i film e i fumetti, ovviamente, vorrebbero essere come i libri.

Leggi tutto...
Go to Top